Risotto alla Zucca con Fonduta di Gorgonzola e Granella di Nocciole Tostate

Ci sono davvero tanti modi per fare un buon risotto alla zucca: con la verdura a pezzi, frullata, aggiunta in cottura o addirittura alla fine..alla sua dolcezza si accompagna bene il sapore deciso di un formaggio come il Gorgonzola o un buon Taleggio. Vi lascio la mia ricetta arricchita dal tocco crunchy della granella di nocciole tostate: il risultato è strepitoso!

Ingredienti X2:
7 manciate di riso Carnaroli
400 g di zucca mantovana pulita
1 scalogno
1 cipolla bianca piccola
1 bicchiere di vino bianco
150 g di gorgonzola dolce
1 cucchiaio di latte
1 cucchiaio di formaggio cremoso dolce tipo Philadelphia o mascarpone
Sale e pepe q.b
Olio EVO
Brodo vegetale: ½ gamba di sedano, 2 carote, 1 cipolla e qualche pezzo di zucca con la buccia
Una manciata di nocciole sbucciate e tostate

Procedimento:
Per prima cosa prepariamo il brodo: puliamo e tagliamo sedano carote e cipolla, e disponiamoli in una pentola con acqua. Se li abbiamo, aggiungiamo gambi di prezzemolo, poi sale grosso non più di un pizzico, 1 grano di pepe e un pezzo di zucca con la buccia (ebbene sì: la buccia della zucca è commestibile! Ed è anche molto buona). Lasciamo cuocere il brodo per 1 ora coperto.
Ora occupiamoci della zucca: una volta tolta la buccia e i semi tagliamola a quadrotti riponiamola in una casseruola con un filo d’olio, una cipolla tagliata a fette sottili e una presa di sale. Lasciamo cuocere coperta per circa 15 minuti aggiungendo dell’acqua o del brodo se necessario (non più di 2 mestoli). Quando la zucca si sarà ammorbidita e tenderà a sfaldarsi togliere il coperchio, far asciugare i liquidi sul fondo della pentola a fiamma vivace per un paio di minuti e poi togliere dal fuoco. Ridurre a crema con un frullatore ad immersione e tenere da parte la nostra deliziosa crema di zucca: io ne faccio sempre un po’ di più la conservo in un contenitore ermetico in frigorifero e la riutilizzo il giorno dopo per qualche altra sfiziosa ricetta!
Ed ora veniamo al risotto: tagliamo finemente 1 scalogno e facciamolo stufare in una pentola dai bordi alti con del buon olio EVO, poi uniamo il riso e tostiamolo a fiamma media per 2 minuti mescolando delicatamente, a questo punto irroriamo con il vino bianco, lasciamo sfumare completamente, mescoliamo ancora e poi uniamo un mestolo di brodo e tutta la crema di zucca con una presa di sale. Amalgamiamo e lasciamo cuocere a fiamma medio bassa aggiungendo brodo ogni volta che il risotto si restringerà.
Un consiglio: questo risotto tende ad attaccarsi al fondo quindi vi suggerisco di utilizzare una pentola antiaderente e di mescolarlo molto spesso con un cucchiaio di legno.
La fonduta di zola è l’ultima componente di questo piatto che resta da preparare: in un pentolino dai bordi alti mettiamo un cucchiaio di latte, un cucchiaio di formaggio cremoso e il nostro zola tagliato a pezzetti. Mescoliamo fino al completo scioglimento dei formaggi tenendo la fiamma sempre bassa. Quando avrete ottenuto una crema liscia ed omogenea spegnete e lasciate da parte.
Quando il risotto risulterà cotto ‘al dente’spegnete il fuoco e lasciate riposare coperto per 2 minuti. Cercate di tenerlo il più ‘brodoso’ possibile fino alla fine perché la zucca tenderà ad assorbire molto velocemente i liquidi rischiando di farvi ottenere un risotto troppo asciutto.
Servite disponendo il riso su un piatto piano, versate la fonduta di Gorgonzola al centro o a formare una spirale in superficie come più vi piace! Io creo dei piccoli solchetti per non farla scivolare via. Cospargete il piatto di granella di nocciole tostate, pepe nero se gradite e un giro d’olio Evo.

Proverbio italiano sulla Zucca
“La esperianza de le vece cuoghe de casada dize cussì: Par vedar se lu suche ze bone, basta de butarghene na fetina drento un t’un cain pien de acqua freda, se sta fetina la andrà subito a fondo, se pol fidarse che la suca la sia otima.”
L’esperienza delle vecchie cuoche di casa dice così: Per vedere se le zucche sono buone, basta mettere una fettina dentro un catino pieno d’acqua fredda, se la fettina va subito a fondo, si può fidarsi che la zucca è ottima.